Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

L' elefante e la formica

 C’ era una volta un elefante orgoglioso.

     Camminava per la giungla non curandosi di ciò che trovava sul suo cammino rompendo e sradicando alberi. Quando barriva tutti gli altri animali tremavano.

         -  Io sono il più grande di tutti gli animali della giungla – gridò - sono il più forte. Tutti gli animali dovrebbero temermi e rispettarmi!

         Un giorno mentre stava riducendo ad un mozzicone tutto quello che si trovava nella strada da lui battuta con i suoi grandi piedi, sentì delle flebili voci gridare:
         -   Per favore guarda dove metti i piedi o ci ucciderai.
         L'elefante guardò per vedere le piccolissime formiche che costruivano un formicaio.

         -   Haa! Haa! Haa! - lui rise - Siete così piccole. Io non posso vedervi proprio. Non vi vergognate della vostra grandezza? Haa! haa! Haa!
         -  Noi siamo felici ed orgogliose della nostra taglia - dissero le formiche -, lavoriamo più di te grande animale pigro.  
         -    Con un'oscillazione di tronco, io faccio più lavoro di voi, che nella vostra vita potete solo sognare di fare - si vantò l'elefante - Haa! Haa! Haa! Siete delle buone a nulla voi formiche!

         La sua risata echeggiò nella foresta e fece tacere anche le scimmie chiassose. Un po’ più tardi, l'elefante si trovò intrappolato in una trappola.

         Lui tentò di liberarsi ma fallì. Con i suoi movimenti goffi peggiorò la sua posizione nella trappola. Le sue gambe erano appese all'aria mentre i suoi orecchi enormi penzolavano sino toccare terra. Poi iniziò a schiamazzare chiedendo aiuto.

         Un leone che passava da quelle parti  sentì l'elefante.
         -    Per favore aiutami! Liberami! – disse piangendo.

         Il leone guardò la trappola e scosse la sua testa.

         -  Io ho paura, non posso aiutarti mio amico. Devo andare via in fretta prima che gli uomini arrivino e uccidano anche me.  
         Il leone si allontanò affrettatamente.
         Un bufalo indiano passò lì vicino. Sentì e vide l'elefante nella trappola.
         -   Oh, bufalo indiano, per favore mi aiuti prima che io venga ucciso - pianse l'elefante.
         Il bufalo indiano guardò la trappola e disse:
         -   Io non posso aiutarti mio amico. Devo andare prima che gli uomini arrivino e uccidano anche me.

         Il bufalo indiano si allontanò.

         Passarono nei pressi il rinoceronte, e più tardi il maiale.
         Nessuno di loro aiutò l'elefante.

         Tutti loro guardarono la trappola e si allontanarono rapidamente.

         L' elefante era molto infelice ed impaurito. Pianse e lottò.
         Poi una piccola voce tremante disse:

         -   Tu sembri nei  guai. Posso aiutarti?

         L’ elefante si guardò attorno.
         Dopo avere lottato contro le corde lui vide la formica.

         -   Oh! Sei tu! - lui pianse -  non posso uscire da questa trappola. Il leone, il bufalo indiano, il rinoceronte ed il maiale non mi hanno aiutato. Tu come può aiutarmi?
         -    Io posso aiutarti - disse la formica.
         -    Tu sei tanto piccola - disse l’ elefante - ma se puoi, allora fallo.
         -    Bene -  disse la piccola voce - aspettami, tornerò presto.
        
La piccola formica andò via e ritornò più tardi  con un piccolo esercito di suoi amici che mangiarono tutte le corde che avevano imprigionato l'elefante e lo liberarono.
        
L' elefante non riusciva a trovare parole per ringraziare le formiche per ciò che loro avevano fatto.
        
Aveva riso di loro. Ma promise di non ridere mai più di loro.

Quel giorno l' elefante imparò una buona lezione.
INFORMAZIONI SULLA FIABA
NAZIONE: KENIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN ITALIANO
LEGGI IN KENIOTA
ASCOLTA IN KENIOTA
   

Nodvu na siafu

Hapo zamani za kalekuliishi ndovu mwenye majivuno sana. Alitembea kwen ye mwitu aking’oa miti zote zile alizipata mbele yake. Wakati aliguruma, wanyama wote walitetemeka.
        

- Mimi ndiye mnyama mkubwa zaidi katika mwitu – aliguruma. Mimi ndiye mwenye nguvu zaidi. Ninyi wanyama wote lazima mniheshimu na mniogope.

         Siku moja alipokuwa akitembea na kugonga miguu yake kila mahali, alizisikia sauti ndogo zikiita:

- Tafadhali tazama unakoweka miguu la sivyo utatuua.
- Haa! Haa! Haa! Alicheka. Ninyi ni wadogo sana na ziwezi kuwaona. Hamna aibu ya udogo wenu? Haa! Haa! Haa!

-   Tunapenda kujivunia udogo wetu – walijibu siafu -, sisi kufanya kazi zaidi ku washinda ninyi wanyama wakubwa na wavivu.

- Nikiuzungusha mara moja huu mkonga wangu, naweza kufanya kazi zaidi ya ile ninyi mwaweza kuota kufanya maishani mwenu – ndofu alijivuna – Haa!Haa!Haa! Ninyi ni siafu bila faida.

Kucheka kwake kulisikika kwenye msitu wote na kuwanyamazisha nyani wote waliokuwa wakilia. Mda mfupi baadaye, ndovu alijipata kwenye mtego. Alijaribu kujiweka huru lakini hakufaulu. Alizidi kujizungusha kwenye mtego huo. Miguu yake ilibaki hewani na masikio yake makubwa yalifagia sakafu. Akaanza kulia akitafuta usaidizi.

Simba alipita na akamsikia ndovu akilia.

- Tafadhali nisaidie! Niweke huru! - alilia.

Simba alimwangalia na akakitingisha kichwa chake.

- Sidhani kama naweza kukusaidia rafiki yangu. Lazima nitoroke kabla wanadamu waje waniuwe pia.

Simba akatoroka na kumwacha.
Baada ya mda mfupi akapita nyati na akamisikia ndovu akilia.

- Tafadhali nisaidie nyati la sivyo nitauawa – ndovu alimlilia nyati.

Nyati alimwangalia na kumjibu:

- Lazima nitoroke kabla wanadamu waje kuniua – akaenda zake.

Ndovu alilia akiwa na hasira na uoga mingi. Akasikia sauti ndogo ikitetemeka ikisema:

- Inaonekana una shida, naweza kukusaidia?

Ndovu aliangalia kila mahali, mwishowe akamwona siafu.

- Oh! Ni wewe! – alilia – iwezi kutoka kwenye mtego huu. Simba, nyati, kifaru, na nguruew hawawezi kunisaidia. Wewe waweza?
- Ndio – alijibu siafu.
- Wewe ni mdogo sana – alisema ndovu – lakini kama waweza kunisaidia, tafadhali fanya hivyo.
- Sawa – sauti ndogo ikasema – ningoje nardi sasa hivi.

Siafu aliondoka na baada ya mda mfupi alirudi na wenzake. Walizila kamba zote zilizomfunga ndovu na wakamweka huru.
Ndovu alikosa maneno ya kuwashukuru siafu kwa kazi ambayo walikuwa wamefanya. Alikuwa amewachekelea. Aliapa hatafanya hivyo tena na tangu siku hiyo alishika adabu.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
NAZIONE: KENIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN ITALIANO
LEGGI IN KENIOTA
ASCOLTA IN ITALIANO




CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922