Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

L'asino e la volpe alla festa di Sant'Elia

Nachi chi un ‘ainu, una olta, cheriat andare a sa festa ‘e Sant’Elies pro ballare.

Pighende dae Mesumundu attoppat unu mazzone,

- E a inue ses andende?
- A sa festa – nachi – pro ballare.
-   Ma Sant’Elies che ruet in triulas, e como semus a nadale – ha nadu su mazzone.

E s’ainu:
        
-Nadale, capidanni, lampadas, triulas… chie s’ippipat?! Deo andò su matessi.
- E tando – nachi su mazzone – enzo deu puru.
- Andamus!
        
Pighende in Monte Santu, su caminu fit tottu in pigada e issos si sunu istraccados subitu.

- Faghimus gai – ha nadu su mazzone – una olta deo giutto a caddu a tie e un’attera olta tue giughes a mie.
- Emmo – nachi s’aineddu – incominzo deo.
        
E si ch’est iscuttu a caddu ‘e su mazzone fit meda pius basciu, cuddu, s’ainu, toccaiat terra cun sos zocculos, e fit comente si andesit a pe’ e tottu cun sas francas suas.

Cando est toccadu a su grodde a pigare a caddu, brincat in sedda e li dat unu mussu a tuju.

Ohi! - ha nadu s’ainu – E ite ses fattende?
- M’ammantenzo comente poto pro no ruere a terra – nachi su mazzone.

E gai, pighende a Sant’Elies, unu mussu a tuju e una francada a fiancos, cudd’iscuru non bi l’ha fatta a bidere sa festa!

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

S'aiunu e su mazzone a sa festa 'e Sant'Elies

Si racconta che una volta un asino voleva andare alla festa di Sant’Elia per ballare.

Salendo da “Mesumundu”* incontra una volpe.

- Dove stai nadando?
- Alla festa – rispose – per ballare.
- Ma Sant’Elia cade in luglio, mentre ora siamo a dicembre – esclamò la volpe.

E l’asino:

- Dicembre, settembre, giugno, luglio… chi se ne infidchia! Io vado lo stesso.

- E allora – disse la volpe – vengo anch’io.
- Andiamo!

Salendo sul Monte Santo, la strada era tutta in salita e loro si stancarono presto.

- Facciamo così – disse la volpe – una volta io porto in groppa te e un’altra volta tu porti me.
- D’accordo – disse l’asinello – incomincio io.

E saltò in groppa alla volpe, tanto che rischiò di farla crepare. Ma poi, siccome la volpe era molto più bassa, l’asino toccava aterra con gli zozzoli, ed era come se camminasse a piedi con le sue stesse zampe.

Quando toccò alla volpe a salire in groppa, saltò in sella (all’asino) e gli mollò un morso sul collo.

- Ohi! – gridò l’asino – Ma che stai facendo?
- Mi mantengo come posso per non cadere a terra – rispose la volpe.

E così, salendo a Sant’Elia, un morso al collo ora e una zampata ai fianchi dopo, quel poveretto non arrivò mai a vedere la festa.


* “Mesumundu” è una località in territorio di Siligo (SS), sede di un antico insediamento romano e preromano, con i resti di un impianto termale.
INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922