Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

Bisaia testimone oculare

Bonaria Isola, connota Crobedda, fiat bisaia mia. Deu dd’apu connota, est morta a bècia manna. Fiat nàscia in d-un’annu de unda, su ti teniat arrespetu mannu. Biviat in sasula de is Topis (oi via Amsicora). Acua in is domus no nci ndi fiat e duncas tocat a andai po dda pigai a su grifoni mannu (oi via La Marmora- via V. Emanuele). Issa po no fai sa fila impari a totu sa genti, costumat a andai a chitzi mannu, candu no fiat ancora ben’obrèsciu po no agatai nisciunus.

         Una di’ de ierru, s’ atuat is màrigas e imbonat. Fìat ancora scurigau mortu, candu intendit stragàtzu de passus lestrus, timit e si cuat in d-una intradedda cun luminaxu de portali mannu. Fora ‘e sulai po sa timoria, atacada a su muru bit très omìnis chi pariant “is tres gurreus”. Portant a coddu unu sacu grai e mannu e ddu tiranta trìsina trìsina de su graiùmini . Sa luna ddus fiat luxi in faci e issa iat biu chini fianta. Sòrigat a castiai e bidit a inui fiant andendi. Lòmpius a una funtana de is axolas nci ghètanta su sacu e sparèssint in su scuriu. Candu is cambas anti torrau a caminai cìdrinas de sa timoria est lòmpia a su grifoni po preni is màrigas. Fait unas cantu de andadas e torradas po preni totu is màrigas e fùrriat a domu. Si cròcat for’ ‘e contai a nisciunus su chi iat biu.

         Su mengianu in su filu de mesudi’ benit a-i sciri ca funti cichendi unu piciocu, Antoneddu su mudu, sparessiù de domu sua. Acanta de domu de aiàia biviat custa famìllia, narat issa, “arrica ma de arratza tontatza chi no srebiat a nudda”. Tenìanta custu fillu solu, sudru, mudu e unu pagu scrimprotu. In is axolas nci fìat una funtana e ìant agatau unu sacu mannu cun aintrus Antoneddu su mudu, mortu puntu a lepa. Intzandus in dd-unu momentu sa nova iat fatu su giru de totu sa bidda.

         “Anti mortu Antoneddu!”, incrupendi a su babu e a sa mama, ca dd’ìanta mortu po si ndi scagatzai. Diaici iant arrestau custa genti. Custus tzèrrianta ca fìant innocentis e prangiant e naranta ca ndi ddus ìanta furau totu su dinai allogau in sa “credenza”.

         Antoneddu, po si tenni callenti, si fìat crocau in terra in pitzus de una stabeddi, in coxina, a faci de su fogu. Ma is furonis custu no ddu podìanta sciri. Duncas fìant intraus in domu po furai e iant imbruchinau pròpriu a pitzus de su piciocheddu dromiu chi, scrimpru cant’ ‘òlisi, ddus iat connotus, ca ddus connosciat beni. Duncas a inanti de sdorrobai s’aposentu d’’ìanta puntu a lepa po ddu bociri. E potau nci d’ìant trìsina trìsina finas a una funtana de is axolas. Su babu cun sa mama crocant in pitzus e no si ndi fìant acataus de nudda, ca fìanta cumenti a nisciunus. S’incrasi, aiàia si fìat totu beni alliputzia e si fìat presentada a caserma po denuntziai su chi issa ìat biu. Ca no fìant is bocidoris giustus chi ìant arrestau. Aiàia ìat fatu nomini e sangunau de is tres piciocus chi ìat biu tirendi su sacu e arrestaus ddus ìanta. Iat pigau parti a su processu in Casteddu ca issa fìat sa sola “testimone oculare” (ita na’ ca dda fìat praxa custu fueddu!) e no ìat tìmiu nisciuna vendetta o isfregiu de pati de sa famìllia de is bocidoris berus, chi atrus no fìant che is tres furonis, brintaus po furai in domu de cussa genti tontatza, ma chi stimat cussu fillu solu, scrimpotu sudru e mudu chi tenìanta.

            - Cinquanta annus de presoni a donniunu de is gurreus at donau sa giustizia gràtzias a mei, “testimone oculare”-  narat sèmpiri.                - Setzeisi’ piciocchedus ingiriaus a sa cupa, ca aiàia si còntat su contu de Antoneddu candu seu stètia “testimone oculare”.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Bisaia testimone oculare

        Bonaria Isola, nota Crobedda, era mia bisnonna. Io l’ho conosciuta: morì quando era molto anziana. Nacque nel 1880, anno in cui una terribile inondazione colpì Quartu Sant’Elena. Era una donna intelligente e spigliata, conosciuta in tutto il paese, dove godeva di grande stima. Viveva nel Quartiere dei topi, l’attuale via Amsicora. Non aveva l’acqua corrente in casa, perciò era necessario procurarla altrove; il posto a lei più vicino era “su grifoni mannu”, il rubinetto grande ( via La Marmora – via Vittorio Emanuele). Crobedda era solita andare la mattina molto presto, quando ancora non albeggiava, in modo da non incontrare nessuno: non amava infatti fare la fila in attesa del suo turno.

         All’ alba di un giorno d’inverno prese le brocche e si diresse alla fontana. Era ancora buio pesto quando sentì un calpestio di passi veloci. Spaventata, si nascose in un vicoletto dove c’era un enorme portone. Senza neppure respirare per la paura, addossatasi al muro, vide tre uomini alti: sembravano “i re magi”. Trasportavano un sacco così grande e così pesante da essere costretti a trascinarlo. La luce della luna illuminava il loro viso tanto che Crobedda li riconobbe. Seguendoli con lo sguardo, riuscì a capire dove andassero. Giunti al “pozzo delle aie” (piazza IV Novembre), vi gettarono dentro quel sacco e sparirono nell’oscurità. Quando le gambe, pietrificate per la paura, ripresero a camminare, Crobedda finalmente potè raggiungere la fontana. Fece la strada più volte sino a riempire tutte le brocche, e rincasò. Si mise poi a letto, senza raccontare a nessuno ciò che aveva visto.

         La mattina successiva, verso mezzogiorno, venne a sapere che era scomparso un ragazzo, Antonello il muto. Il giovane viveva vicino alla casa della mia bisnonna con la sua famiglia, la quale non godeva certo di grande stima: “facoltosa, ma di natura non certo astuta”, la definiva la stessa Crobedda. E Antonello, figlio unico,, oltre a essere muto, era anche sordo e un po’ sciocco. Le ricerche iniziarono in tutto il paese, finchè nel “pozzo delle aie” venne ritrovato un grande sacco che conteneva proprio lo sfortunato ragazzo, morto per le ferite causate da coltello. In un attimo la notizia fece il giro di tutto il paese.

         “Hanno ucciso Antonello!” rintonava per le vie. I poveri genitori furono accusati di assassinio e arrestati; piangenti, dichiaravano la propria innocenza e affermavano, anzi, di essere stati derubati di tutti i soldi che conservavano nella loro credenza.

         In realtà il povero Antonello, in quella notte fredda, dormì in cucina, sopra una pelle di agnello, vicino al fuoco. I ladri, entrati per rubare i soldi, erano inciampati proprio sul ragazzo che dormiva. Il giovane, nonostante fosse ritardato, aveva riconosciuto i malintenzionati, che perciò lo avevano ucciso con un coltello. Successivamente, per liberarsi del corpo dello scomodo testimone, avevano deciso di trasportarlo fino al “pozzo delle aie” e di buttarlo dentro. I genitori del ragazzo non si erano accorti di nulla, perché dormivano al piano superiore. Crobedda venne a conoscenza della disgrazia che aveva colpito i suoi vicini. Subito capì che gli individui misteriosi che aveva visto in quella fredda mattina erano proprio i ladri e comprese che nel sacco, che trascinavano a mala pena, c’era proprio in povero Antonello. Decise quindi di vestirsi elegantemente e recarsi in caserma per denunciare i fatti.

Quei poveri genitori erano innocenti! Nonna raccontò l’accaduto e rivelò i nomi e i cognomi dei tre ladri che così furono arrestati. Partecipò al processo a Cagliari: era infatti l’unica “testimone oculare”, come lei amava sottolineare. Ebbe coraggio e non si curò di eventuali vendette o ritorsioni che sarebbero potute scaturire dalle famiglie degli assassini.

         - Il Giudice, per l’uccisione di Antonello, condannò ciascuno dei ladri a cinquanta anni di prigione, grazie a me “testimone oculare” - soleva dire.

         - Sedetevi ragazzi, tutti intorno al braciere, perché ora nonna vi racconterà la storia di Antonello quando sono stata “testimone oculare”.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO




CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922