Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

I Consigli di Salomone

Una borta ci fiat unu negozianti, e teniat unu negoziu de roba. Una dì, a mengianu chizzi est andau a oberri su negoziu, e in su scalinu nci hat agattau un’omini mortu; hat timiu po dd’arrestai; it’hat fattu? Si nc’est partiu, hat abbandonau sa mulleri e tres fillus.

         Arribat a custu paisu, circa de s’impegnai, e no ndi poriat adattai. Finalmente, intendit chi unu ircat unu camerieri, e issu po no ndi porri adattai nisciun’atru, hat nau:

         - Mi nc’intru innoi.

         E aicittotu iat fattu. Custu signori si narat Salamoni; totus is abitantis andanta aund’est custu a pigai cunçillus, sicomenti ddu tenianta comenti unu profeta.

         Custu camerieri ddu boliat beni mera, comenti su meri boliat beni a issu, e c’est atturau bint’annus. In cussus bint’annus no iat scippiu mai de sa famiglia sua.

         Una dì dd’hat nau a su meri:

         - Su meri, happu dezzidiu de mi ndi andai aund’est sa famiglia mia, arrangimì su contu chi deppu partiri.

         Custu in su tempus chi ci fiat, no iat pigau mai niente de sa paga chi ddi spettara. Su meri hat arrangiau su contu, e dd’hat donau tresgentus scurus. S’est dispirìu de issu e candu fiat calendi in sa scala, su meri dd’hat zerriau, e dd’hat nau:

         - Totus beninti a pigai cunçillus de mei, e tui ti ndi bandas aici?

         Dd’hat arrispustu su serbidori:

         - Cantu bollis po unu conçillu?
         - Centu scurus.

         S’est penzau beni einsandus, e torrau a arziai, dd’hat donau is centu scurus, e dd’hat nau:

         - Donghimì su conçillu.

         E su meri dd’hat nau:

         - No lessis s’arruga beccia po sa noa.
         - Eh, unu fueddu solu centu scurus
         - iat arrispustu su serbidori.
         - Sì - hat nau su meri- ti ddu fazzu po ti ndi arregordai.

         Candu fiat in sa scala, est torrau a arziai, e d’hat nau:

         - Su meri, un atru cunçillu - e ddi donat atrus centu scurus.

         E narat su cunçillu:

         - Non ti ficcas in fattus allenus.

         E tra issu iat nau:

         - Imoi po portai a domu centu scurus, mellus mi donai un’atru cunçillu.

         E dd’hat pigau chi est custu:

         - Su feli de oi lassaddu a cras.

         Si ndi fiat andendi, e su meri dd’hat zerriau, dd’hat donau una fogazza, e dd’hat nau:

         - Custa no dda seghis si no ses in sa mesa cun totu sa famiglia tua.         
         - Sì, sì
         - arrispundit su serbidori, e partit.

         Candu fiat in camminu incontrat tanti genti, e dd’hanti nau:

- Benis cun nosus?

         Issu subitu s’est arregordau de su cunçillu, e hat nau tra sei:

         - Happu donau centu scurus a su meri miu, chi mi hat nau a no lassai sa ruga beccia po sa noa.

         E no est andau cun cuddus.

         Hat sighiu sa chi fia fendi. Sighit a andai, apusti de unu pagu intendit tantis sparus, tantis zerrius, e fiat chi is bandius ianta mortu a cuddus.

         E issu hat nau:

         - Bellus, e benedittus ddi sianta a su meri miu, m’hat salvau sa vira.

         Sighit a camminai, e hat scorigau; no teniat aundi s’alloggiai. Fiat in su desertu. Finalmente de attesu biri una lusgisgedda, camminat finzas chi ci arribara. Custa fiat una domu, toccat a sa porta, e oberanti; hat domandau si ddi donanta alloggiu po sa notti, dd’hanti nau chi sì, e dd’hanti fattu entrai. Su meri de custa domu fiat fendi sa cena, apparicciara sa mesa e si sezziri a pappai. Su meri oberit unu sutterraniu, e i ndi fait bessiri una femmina; custa fiat zurpa, dd’hat donau a pappai in d’una conca de mortu, e po cugliera un’arrogu de canna. De ghi hanti accabau, ci dd’hat fatta torrai a calai, e dda serrara. Insandus dd’hat nau a su passeggeri:

         - Ita i ndi naras de custu chi has bistu?

         Issu  hat arrispustu:

         - Issu hat a sciri is finis suus.

         Insandus su meri de sa domu dd’hat nau:

        - Custa est mulleri mia; candu deu partemu, issa arricciat un’atr’omini; deu seu benniu a domu, ci happu incontrau a custu, e dd’happu mortu; su pratu ch’happu donau a issa, est sa conca de cuss’omini, sa cullera est sa canna chi i ndi dd’happu bogau is ogus a issa.

        E dd’hat domandau:

        - Ita ti parit? Beni fattu, o mali fattu?

        Issu dd’hat arrispustu chi fia beni fattu. Su meri dd’hat nau:
         - Bravu, si m’iasta arrispustu su contrariu, t’emu mortu.

         E hat nau su passeggeri:

         - Benedittus ddi sianta a su meri miu is centu scurus, m’hat salvau sa vira duas bortas.

         S’incras est partiu, sa notti arribat a su logu suu. E bandat a sa ruga aundi iat lassau sa famiglia, e in cusa domu ci fiant tanti lusgis e biri a sa mulleri affacciara cund’unu giovuneddu, totu tocchendiddi sa facci cun d’una grandu cunfianza. Issu teniat tanti feli chi dda boliat sparai, insandus s’est penzau beni, dd’hat nau:

        - Centu scurus happu donau a su meri miu, chi hat nau: “sa collera de oi lassadda a cras”.

         Finamenti domandat a una femmina de sa ruga a biri ita ci fiat in cussa domu. Issa dd’hat arrispustu chi cussu fiat su fillu, e chi iat nau missa sa prima dì.

         Insandus hat nau:

         - Bellus e benedittus ddi sianta is centu scurus a su meri miu, m’hat salvau sa vira po tres bortas.

         Insandus est arziau a domu sua, hat toccau sa porta, sa mulleri hat subitu obertu, funti bennius is fillus chi no ddu conoscianta e dd’hanti totu imbrassau. Insandus sa genti si ndi fiat andara, e issus fianta andaus a cenai, issu iat segau sa fogazza, e c’iat agattau is tresgentus scurus, chi su meri si ddus iat pigaus po no si scaresci de is cunçillus.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Is consillus de Salomoni

       C’era una volta….. un commerciante, che possedeva un negozio di stoffe. Un giorno, di prima mattina, andò ad aprire il suo negozio e fu colto da gran sgomento quando vi trovò un uomo morto nei gradini. Temendo di essere arrestato, cosa fece? Partì, abbandonando moglie e tre figli.

Giunto in un paese, cercò lavoro, ma non riuscì a trovarne. Finalmente seppe che un uomo cercava un cameriere e lui, poiché non aveva altra scelta, accettò l’incarico.

Il signore si chiamava Salomone e tutti gli abitanti andavano da lui quando avevano bisogno di un consiglio, poiché lo stimavano come fosse un profeta.

Il cameriere gli voleva molto bene, così come il padrone ne voleva a lui: rimase alle sue dipendenze per ben vent’anni. In questo periodo non ebbe mai notizie della sua famiglia.

Un giorno disse al padrone:

- Ho deciso di raggiungere la mia famiglia. Mi dia ciò che mi spetta.

Nei lunghi anni trascorsi, infatti, non aveva mai percepito alcun compenso. Il padrone regolò i conti dandogli trecento scudi. Così il cameriere si congedò. Mentre scendeva le scale, il padrone lo richiamò e gli disse:

- Tutti vengono a chiedermi consigli e tu, invece, vai via senza chiedermene alcuno?

Il servo gli rispose:

- Quanto vorrebbe per avere un consiglio?
- Cento scudi
ribatté il padrone.

Il cameriere rifletté per un pò, ritornò indietro, risalì le scale, diede i cento scudi e gli disse:

- Mi dia il consiglio.

Il padrone gli consigliò:

- Non lasciare la strada vecchia per la nuova.
- Mah, una parola sola vale cento scudi?

rispose il cameriere.
Il padrone aggiunse:

- Non dimenticare mai quanto t’ho detto.

Mentre si trovava ancora sulle scale, tornò indietro e gli disse:

- Padrone, dammi un altro consiglio

e gli consegnò altri cento scudi. Il padrone gli suggerì:

- Non ti intromettere mai nei fatti altrui.

Infine ne richiese un ultimo che gli fu subito dato:

- La rabbia d’oggi lasciala a domani.

Quando ormai stava andando via, il padrone lo richiamò, gli diede una focaccia, e gli raccomandò di non tagliarla finché non si fosse trovato a tavola con tutta la tua famiglia.

- Certamente

rispose il cameriere, e partì.

Durante il viaggio, incontrò tante persone, che lo invitarono ad andar con loro. Ma lui, che si ricordò del consiglio, disse tra sé:

- Diedi cento scudi al mio padrone che mi consigliò di non lasciare la strada vecchia per la nuova.

Memore di questo monito, non andò con quelli, ma continuò la sua strada. Cammina cammina, udì numerosi spari e tante urla: i banditi avevano ammazzato proprio quelli che lo avevano invitato ad andare con loro. Allora pensò:

- Belli e benedetti siano i soldi che ho dato al mio padrone, egli mi ha salvato la vita.

Continuò a camminare e si fece notte. Non aveva dove alloggiare e si trovava nel deserto. Finalmente, in lontananza, vide una piccola luce e vi si diresse. Era una casa. Bussò alla porta e aprirono; egli chiese alloggio per quella sera, glielo accordarono e lo fecero entrare. Il padrone di casa preparò la cena, imbandì la tavola e si sedettero a mangiare. Poi, attraverso un’apertura sotterranea, fece uscire una donna che era cieca. Le versò il cibo in un teschio e le diede per cucchiaio una canna. Terminata la cena, la fece riscendere e la rinchiuse laggiù. Allora disse al passeggero:

- Che pensi di ciò che hai visto?

Egli rispose:
- Per trattarla in quel modo, avrà le sue buone ragioni!

Allora il padrone di casa gli disse:

- La donna che hai visto è mia moglie; durante la mia assenza lei accolse in casa un altro uomo. Al mio ritorno ho incontrato costì e l’ho ammazzato. Il piatto che le ho dato è il teschio di quell’uomo e il cucchiaio è la canna con cui le ho levato gli occhi. Allora egli chiese un giudizio sul suo operato.

Il cameriere gli diede la sua approvazione. E il padrone gli disse:
- Hai risposto bene. Se, infatti, mi avessi detto il contrario, avrei ucciso anche te.

Il passeggero fra sé pensò:

- Belli e benedetti siano i soldi che ho dato al mio padrone, egli mi ha salvato la vita.

L’indomani riprese il viaggio e di notte giunse finalmente al suo paese. Immediatamente si recò a casa sua dove aveva lasciato la famiglia. La casa era illuminata e affacciata alla finestra vi era la moglie, che accarezzava un giovane con molta confidenza. L’uomo provò tanta rabbia da desiderarne la morte. Allora , dopo aver pensato a lungo, ricordò l’ultimo consiglio:

- Diedi al mio padrone cento scudi ad egli mi disse: “la rabbia d’oggi lasciala a domani”. Finalmente incontrò una donna per la strada, a cui domandò:

- Chi c’è in quella casa?

Rispose che quello era il figlio e che proprio quel giorno aveva celebrato la messa per la prima volta. Allora egli nuovamente pensò:

- Belli e benedetti siano i soldi che ho dato al mio padrone, egli mi ha salvato la vita per la terza volta.

Bussò alla porta di casa sua , aprì la moglie e subito gli vennero incontro i figli che, sebbene non lo conoscessero, lo abbracciarono con affetto.

Gli invitati se ne andarono e la famiglia, finalmente unita, si ritrovò a tavola per la cena e in quell’occasione l’uomo tagliò la focaccia. All’interno , con grande sorpresa, vi trovò i trecento scudi che il padrone aveva preteso perché non dimenticasse i suoi utili consigli.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922