Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

Maria Mangrofa

Cand’ippo minore jeo mi contabana de custa emmina mala, chi si nabat Maria Mangrofa. Custa emmina ‘it meda manna, una zigante, e ‘it una “ma la giana”, una istria, fea che annu de siccanza.

Nanta chi custa Maria Mangrofa zucchiat duas tittas longas chi li lompiana finza aterra si che las ghettaiat a palas, pro no s’imbruttare.

Aiat unu maritu chi ‘it prus zigante de issa: si nabat Antoni Craccassoni e ‘it mannu quasi comente ‘e unu monte; nanta chi teniat sa pipiristas de sos ocros gai mannas chi bi cherianta duos omines pro bi chel’aperrere.

‘Is riccos meda, ca tenian terrinos, cussorzas, orioso, bestiamene e gai. Ma amborduos ‘in ingordo e cringones. E caban finzas chi mandicabant petha ‘e cristianu, ma forzis lu caban pro nos ‘achere ispantare. A cussu tempus nanta chi finzas Gesu Cristu colabat dae su chelu a ‘achere visita a s’umanidade. C’arziat a su monte e acatat a Antoni Cracassoni:

- Bon’ommine - nanta - a mi l’acchites sa caritate ‘e unu piccule ‘e pane?
- Aperimi sa pipirista! – ha nau.
- Gesu Cristu bi l’hat aperta, e tando nanta:
- Bae in supra, bae, chi b’est Maria Mangrofa chi ti lu daet issa su pane. Piccant in supra e biet custa ‘emmina mala.
- Achitemi sa caritate de unu mossu ‘e pane.
- Unu mossu ‘e bastone t’appo a daere, – ha nau. – Bae in malora, bae!
- In ora mala andes tue e tottu su bene tou! – nanta Gesù Cristu.

E subitu s’er fatta ‘e preda. Los hat marmulatos tottu: Maria Mangrofa, Antoni Cracassoni, sar berbeches, sar baccas e s’atteru bestiamene.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Maria Mangrofa

 

       Quand’io ero piccolo mi raccontavano di questa donna cattiva, che si chiamava Maria Mangrofa. Questa donna era grandissima, una gigantessa, ed era una “giana cattiva”, una strega, brutta come un’annata di siccità.

Dicono che questa Maria Mangroffa avesse due seni tanto lunghi che arrivavano fino a terra, tanto che lei per lavorare se li gettava dietro le spalle, per non sporcarli.

Aveva un marito ancora più gigantesco di lei: si chiamava Antoni Cracassoni ed era grande quanto una montagna: dicono che avesse le palpebre degli occhi tanto grandi che ci volevano due uomini per aprirgliele.

Erano molto ricchi, avevano terreni, possedimenti, granai, bestiame e altro. Ma erano entrambi ingordi e avari. E si diceva persino che mangiassero carne umana, ma forse lo raccontavano per farci spaventare. A quei tempi dicevano che anche Gesù Cristo scendeva dal cielo a far visita all’umanità. Salì sul monte e trovò Antoni Cracassoni:

- Buon uomo - dice - mi fate la carità d’un pezzo di pane?
- Sollevami la palpebra! – risponde.

Gesù cristo gliela sollevò e allora disse:

- Và la sopra, vai, dove c’è Maria Mangrofa, che ti darà un pezzo di pane.

Va su e vede questa brutta donna:

- Fatemi la carità di un pezzo di pane.
- Un pezzo di bastone ti darò - rispose - Và in malora!
- In malora andrai tu e tutti i tuoi averi! - esclamò Gesù Cristo.

E subito (la strega) diventò di pietra. Li pietrificò tutti: Maria Mangroffa, Antoni Cracassoni, le pecore, le mucche e l’altro bestiame.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922