Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

La creazione

Babbai Maiale la contaiat gai.
“Sigomente, in cussu tempus, fit tottu bugiu e nieddu che pighe, tando sa prima die Nostru Segnore ha fattu sa lughe. Comente l’aeret fatta no s’ischit, ma si cumprendet: Isse fit Deus! Comente si siat, l’est piaghida e l’ha lassada.

Sa segunda die ha fattu su chelu, mannu e amprosu, e b’ha postu sas istellas, bellas che firmamentu in beranu.

A sa ‘e tres dies, separesi s’abba ‘e su mare dae sa terra, e che l’ha fatta asciutta che crastu. Ma a sa ‘e battoro:

- Cessu! – nachi – su sole bi mancat!

E fattu ha su sole e postu che l’hat in chelu; e daboi ha fattu puru sa luna, pro illuminare addenotte su caminu a sos pastores… e puru pro istanare calchi ladru chi mi ch’est furende sas puddas: e dadebos attentu, malintragnados!

Sa quinta die, Nostru Segnore c’hat imboladu pisches in su mare a canistreddas e puzones in chelu a bentuladas; e subra ‘e sa terra asciutta b’ha boltuladu bestiamine mannu e bestiamineddu: sos arestes in tottue, sos masedos in bidda, in binza, in campagna e gai…

A sa ‘e ses dies sabbaidat in giru e narat:

- Beh, e como it’appo a faghere ancora? Mi paret bi siat tottu: su chelu, sas istellas, su sole, sos animales… Eh nono, diaulu! – nachi – Che mancat su mezus: non appo ancora fattu s’omine.

Nada e fatta, leat unu punzu ‘e terra, la suighet cun abba ‘e funtana e faghet s’omine: mannu cantu cussa conca ‘e maccu de Mimmia Russu, chi non m’est mancu aiscultende… E daboi li sulat in faccia s’anima e l’ha dadu sa vida.

S’incras, sigomente fit dominiga, Nostru Segnore s’est riposadu e ha nadu Missa. E non ha fattu comente ‘e cussu iscomunigadu da maridu tou, cischedda Salida, chi ch’est in s’ortu oe puru, l’appo idu deo!.

Ammentadebos tottu chi su peccadu mortale est comente sa merda puddina in s’impedradu, chi non d’essit mai. Amen.”

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Sa creassione

 

       Babbai Maiale la raccontava così.
“Poiché a quei tempi era tutto buio e nero come la pece, il primo giorno Nostro Signore fece la luce. Come l’abbia fatta non si sa, ma si capisce: Egli era Dio! Comunque sia, gli piacque e la lasciò.

Il secondo giorno il Signore fece il cielo, grande e spazioso, e ci mise su le stelle, belle come un firmamento a primavera.

Il terzo giorno separò l’acqua del mare dalla terra, che asciugò come un sasso.

Ma il quarto giorno:

- Gesù – disse – ci mancail sole! E così fece il sole e lo mise in mezzo al cielo; e poi fece anche la luna, per illuminare di notte il cammino ai pastori… e anche per stanare qualche ladro che mi sta rubando le galline: ma attenti a voi, malnati!

Il quinto giorno, Nostro Signore scaraventò pesci in mare a canestrate e uccelli in cielo a colpi di vento; e sulla terra asciutta rovesciò bestiame grosso e bestiame piccolo: i selvatici dappertutto e i domestici in paese, nelle vigne, nelle campagne e così via.

Il sesto giorno si guardò attorno e disse:
- Beh, e ora che cosa debbo fare? Mi sembra che ci sia proprio tutto: il cielo, le stelle, il sole, gli animali… Eh no, diavolo! – esclamò – Ci manca il meglio: non ho ancora creato l’uomo.

Detto e fatto, prende un pugno di terra, lo impasta con acqua di fonte e fa l’uomo: grande e grosso quanto quella testa di matto di Mimmia Russu, che non mi sta nemmeno ascoltando… E poi gli soffia in viso l’anima e gli dà la vita.

L’indomani, poiché era domenica, Nostro Signore si riposò e disse Messa. E non ha fatto come quello scomunicato di tuo marito, Cischedda Salida, che sta all’orto anche oggi, l’ho visto io!

Ricordatevi tutti che il peccato mortale è come la cacca di gallina nell’impiantito, che non viene mai via. Amen.”

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO:  
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922