Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

La malata

Luxia si ponit a fastigiai cun Chichinu. Luxia fiat una bella picioca, bona, àbili, mer'e domu, de genti bona, pòbura, chi si tenìanta. In sa famìllia sua 'essìanta totus beni postus e no cumpariat sa poburesa. Dònnia dì podìanta papai pani o pani cun cibudda o pani cun gicòria e a bortas pani e arresoia sceti. Custus duus fastigianta in sa pota apustis de cenai. Chichinu andat a agatai Luxia e dda pregontat:

- E oi ita eis fatu po cenai?

Issa narat ca no dd'arresciat nudda, ca no dda profetat.

     Sigumenti fìat aici bianca e lància su sposu cumentzat a si spantai. Dda narat:

- Luxia promiti ca crasi as'a papai po t'arrenfrotzai.

Luxia donat s'arrexoni ma no sciet a ita manu si 'onai.

    - Cumenti ap'a fai a coi petza... est de s'atra Paschixedda chi no biu un'angioni!
         Pentza ca ti pentza, lompit anch' est su crannatzeri e ddu pregontat:

     - Pedroni su tziu em'a bolli un'arrogu de ladru, mancai arràncidu ca depu cassai una gatu aresti chi si trumèntat su magasinu.
         - Piga picioca cust' arrogu, imboddicaddu beni ca fràgat de aillargus.

         Aici Luxia pòtat a domu su ladru.

         Dònnia mericeddu Chichinu àndat a fastigiai e dònnia di' pìgat custu bellu fragu. Si bieda cand' arribat su fumu chi ndi bessiat ancora de su forru, ca Luxia, dònnia borta nci poniat a turrai un' arrogheddu de ladru arràncidu.

         Sa picioca s'ammaladiat po sa debilesa, andat su dotori, ma Luxia no sanat.

         Aici no podiat sorigai. Unu mericeddu Chichinu si sfacit e tòcat sa pota de sa sposa. Ddu fàint intrai e chistiònat cun sa sorri de issa, giai beni cunsillada de Luxia:

         - Cumenti su sposu miu ti domandat de mei, nara che no m' arrescit nudda, ca mamai fait sa mellus cosa, sa mellus bagna, su mellus brodu, ca eus cotu de totu, angionis, puddas, ous, petz’ e boi e de burricu: no du at nudd’e fai. Fortzis una cosa sceti...
         - Ita? -  dda pregòntat Chichinu - Ita potzu fai, narami' po agiudai a Luxia, ca dde candu no dda biu no seu prus papendi ni dromendi mancu deu.

         - Aiscuta - nàrat sa sorri - la', arregodadi' ca est unu secretu chi ti depis potai a sa tumba. No 'òlint a ti ddu nai, ma deu ti tengu a gèniu, mi praxis cumenti connau e ti ddu nau. A Luxia dd'anti fatu cosa fata; si dd' at fata genti mala e imbidiosa. Issa no podit papai cosa de issa, ma sceti cosa de propiedadi de tui: petza, ous, bidrura..., de totu, bastis chi sìat sa tua. Aici sceti at a sanai.

         Fàinti custa giura, si fàinti sa gruxi e Chichinu tòrrat a domu sua.

         Chichinu fìat fillu de genti arrica. Pìgat e còntat a sa mama de sa sposa malàdia.

         Sa sroga cumprendit sa troga e ddu nàrat:

         - Chichinu sa genti àbili sèmpiri m'est praxa; de oi d'aggrandiaus, ca nosus teneus àcua bona chi fait beni a bidruras, òminis e bestiàmini.

         Dònnia di' is srebidoris de Chichinu tragant a nch’est Luxia sa mellus cosa: petza, anadis e puddas bias po tenni ous friscus, angionis e brebeis po su lati, fruta e briduras de dònnia genia. Luxia sànat e dda bàddat sa mela in faci, fìat bianca e arrùbia, foti, de cara bella, no pariat stètia malàdia.

        - Balla! Cussu dotori de Casteddu dd'at curada beni meda - narant in sa famìllia de issa.

         In domu de Luxia stìanta tropu beni e su prexu po custu sposòriu fìat mannu.

         Una bella di' Luxia e Chinchinu si còianta cun prexu mannu de pati de totu e duas is famìllias. Brintendi a domu de is isposus nous sa sroga nàrat:

         - Beni benia Luxia in domu de fillu miu. Gi no t'as' amaladiai imoi ca totu est cosa tua?

         Luxia abàrrat citia ca est afatada, is ogus in terra. Ma sa sroga dd'ampràssat narendidda:

         - Beni, beni, Luxia, nci 'oliat una àbili in domu mia. Ma, po lompi a s'abilèntzia mia, tenis ancora meda, ma meda de imparai...

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Sa maladia

 

Lucia e Franceschino erano innamorati. Lucia era una bella ragazza, di buon cuore, intelligente, padrona di casa, di famiglia buona e dignitosa. Quando usciva era sempre pulita e in ordine, non sembrava fosse povera. Mangiava pane con cipolla o con cicoria e a volte solo pane. I due giovani amoreggiavano sull' uscio di casa. Dopo cena Franceschino andava a trovare Lucia e, a volte, le chiedeva:

- Oggi cosa avete cucinato per cena?

Lei rispondeva che non riusciva a mangiare perchè non digeriva bene il cibo. Siccome era molto pallida e magra, il fidanzato si preoccupò. Le disse:
 
- Lucia, promettimi che domani mangerai la carne per recuperare le forze.

         Lucia promise, ma sapeva di non poter mantenere la parola data, e fra sé pensò:

- Come farò a cuocere carne, se è dallo scorso Natale che non vedo un agnello!

Decise così di recarsi dal macellaio:

- Mi scusi signore, vorrei un pezzo di lardo avariato, perchè devo catturare un gatto che si intrufola sempre nel mio magazzino.
- Ragazza, prendi questo pezzo di lardo e, mi racomando, incartalo bene perchè puzza molto.

Così Lucia portò il lardo a casa.

Tutti i giorni Franceschino, all'imbrunire, quando andava a trovare la sua amata, sentiva un bell'odore di arrosto. Non appena arrivava, vedeva ancora il fumo dell'arrosto uscire dal forno, perchè Lucia ogni sera faceva bruciacchiare un pezzetto del lardo avariato.

Ma la ragazza, che continuava a non mangiare, per la debolezza si ammalò. Venne il dottore a curarla, ma Lucia non diede segni di guarigione.

Perciò una sera Franceschino si fece coraggio e bussò alla porta della fidanzata. Lo fecero entrare e parlò con la sorella di Lucia.

La giovane aveva ben consigliato la sorella in questo modo:
        
- Appena il mio fidanzato ti chiede mie notizie, digli che non digerisco niente, che mamma fa le cose migliori, la salsa più buona, il brodo migliore, che abbiamo cucinato di tutto: agnelli, galline, uova, carne di manzo e d'asino. Ma tutto è stato vano.
        
La sorella di Lucia ubbidì e riferì tutto al giovane.

- Cosa? - disse Franceschino - Dimmi cosa posso fare per aiutare Lucia: da quando si è ammalata, non riesco più a mangiare nè a dormire.
- Forse ci sarebbe una soluzione..., ricordati, però, che sto per confidarti un segreto che porterai nella tomba. Non vogliono che tu lo sappia, ma sei simpatico e mi piaci come cognato: te lo dirò. Lucia è vittima di una stregoneria, fatta da gente cattiva ed invidiosa. Non può mangiare nulla che le appartenga, ma solo alimenti di tua proprietà. Carne, uova, verdura...deve essere tutta roba tua. Solo così guarirà!

Fatto questo giuramento, fecero il segno della croce e Franceschino ritornò a casa.

Franceschino, che era figlio di ricchi possidenti, raccontò alla madre la disgrazia che aveva colpito la fidanzata.

La donna capì l'imbroglio e disse:

- Franceschino, le persone intelligenti mi sono sempre piaciute... Da oggi coccoliamo Lucia poichè noi abbiam l'acqua buona che fa bene alle verdure, agli uomini e agli animali.

Così da quel giorno i domestici portarono a Lucia ogni ben di Dio: carne, anatre e galline vive perchè avesse uova fresche, agnelli e pecore per il latte, frutta e verdura di ogni genere. La giovane guarì in breve tempo: ritornò ad avere il viso bianco e rosso come una mela. Non pareva fosse stata mai malata!

Accidenti, questo medico di Cagliari l'ha curata proprio bene! –dicevano i familiari di Lucia.

In casa di Lucia regnava il benessere: la felicità per questo fidanzamento era grande.

Un bel giorno Lucia e Franceschino si sposarono con grande gioia da parte di entrambe le famiglie. Sulla soglia della casa degli sposini la suocera disse alla giovane:

- Benvenuta Lucia nella casa di mio figlio. Spero che non ti ammalerai più, visto che ora tutto ciò che vedi è anche tuo.

         Lucia rimase zitta, mortificata. Ma la suocera, abbracciandola, le disse:

- Benvenuta Lucia, era necessaria una persona intelligente in casa mia. Ma per raggiungere la mia intelligenza, hai ancora molto, molto da imparare…

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922