Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

I frati di San Francesco

Sas umbras de su sero sun lestras calande. Padre Lussurzu e padre Juanneddu, duos padres de Santu Franziscu, sun dae chitto mannu pedinde sa limusina pro sos poberos.

         Padre Lussurzu est ‘etzu, bentrudu e gobundu, cun su cordone pendi pendi a pes e’ s’arba bianca a chintu; azigu resessit  a nde regollere sas ancas dae terra pro su lardu e pro sos annos.

         Padre Juanniccu, piseddu, lanzu e nerbiatu, caminat prus lestru e a punta ‘e ischina, ma issu puru istraccu e famidu pregat a Santu Franziscu de agatare una mesa apparitzada e unu zassu pro si pasare sa carena pistada. Apoi ‘e su zira zira dae domo in domo, sos duos padres che revertin in sala ‘e tia Larenta Loddinosa: paret chi si siet in sa vida gherrada cun s’aba e cun sa liscia.

         Tia Larenta, una femmina ‘ona e de coro modde, idinde cussos fizos de Deus istracos e infritulidos los faghet ‘intrare a domo, e pro los cheghentare lis dat a onzunu una tatza de ‘inu ‘onu.

         - Buffade, fizos mios, no b’at che su inu pro torrare a su cristianu su samben in sas venas, su mere meu est accant’a torrare dae foraidda pro chenare; si ‘ois sezis cuntentos podides abarrare cun nois a manigare e poi, si bos acuntentades, podides fintzas drommire in s’isostru; noi nos arranzamos in coghina.

         Sos duos padres, cuntentos che pasca ringratzian a tia Larenta e a Santu Franziscu e si allorigan in coghina a color’a fogu, ajsettande su mere ‘e domo.

         Tia larenta, tra unu faeddu e una tobaccada, sighidi a cummassare intro ‘e una tianedda ‘e terra sa simula pro sos maccarrones mutzos, cundindela cun isturridos e limbicos de tobaccu e d’onzi atera zenia.

Padre Juanneddu osservat ischividu s’iscena e totu ascamadu dat una iscuidada a Padre Lussurzu.

- Pompia, pompia Lussù! Andies de loddinosa ‘e femmina! ‘Onos an essere cussos maccarrones mutzos. Jà est beru chi Santu Franziscu nos at fatu sa grassia de atopare in camminu custa femmina ‘ona, ma jà nde pappamos custu sero de loroddos pro chena. Deo, frade caru, balla, no ‘nde papo; issa si los manicat cussos maccarrones.

- E… e… padre Juanneddu… padre Juanneddu – li rispondet padre Lussurzu – s’apretu bi cheret; su fogu che ogat puru su machine dae mesu. Calliat a sa muda, Juà! Si no che pranghes befe manna!

Apoi ‘e un’iscuta torrat su mere ‘e domo infustu e infritolidu; apicat su cabanu e’ sa bertula a unu crau de sa janna e, cuntentu, saludat sos suos padres allorigandesi cun issos in su foghile pro s’assuttare sas petzas infustas e istratzuladas de sas bottas abertas e isbarradas.

S’aba ‘e sos maccarrones ‘uddinde a totu ‘uddire, ischertiat cun su fogu comente ‘e piseddu curriolu.

Tia Larenta ch’etat sos maccarrones mutzos, e cando sun cottos los cundit cun casu friscu e bagna ‘ona in d’una ischissonera manna chi ponet in mesu sa banca, e muttit su maritu e’ sos padres pro chenare.

Padre Lussurzu, de bonu appetitu, si nde prenat su piattu; padre Juanneddu, mancari che l’esseret andande s’anima pro su famine, pompiat cussos maccarrones, fuma fuma, ma no tenet corazu de ‘nde tocare mancu una frucchetada, ca s’ammentat comente sa simula dae tia Larenta est istada mannida. Ma pro no annicare sa femina ogat una iscusa e li narat:

- Tia Larenta mia, non mi ‘nde ponzedes ca non bisto ‘ene de istogomo, e timo chi sa bagna mi fetet peus.
- Mi dispiaghet a su coro, fizu meu caru, chi istes male e no potes pro cussu assazare custos maccarrones gai ‘onos; ma cumprendo… cumprendo. Ateru no che tenzo ‘e di dare – li rispondet tia Larenta apessamentada idindelu biancu che tela ‘e tremi tremi.
- No bos leedes pessamentu, tia Larè – li rispondet issu pompiande a ogros allutos sa tianedda fuma fuma, e andandecheli s’anima pro su disizu ‘e los mandigare.
Finidu ‘e chenare sos duos padres pigan a s’isostru pro si pasare.

Tia Larenta e su maridu s’acotan in coghina in dunu saccu ‘e nusca.

Padre Lussurzu, bene affiancadu, dromit totu su notte sorruschiande che porcheddu.

Padre Juanneddu, cun sa ‘entre balla balla, no resessit a si ch’ingalenare presseghidu dae ‘isiones de piattos prenos de cantos de casu e lobos ‘e sartitza. Si zirat e si torrat a zirare comente puntu da una truma ‘e abes.

A sa vines, a piotu a piotu, si nd’istrampat a terra e falat a coghina, e azuadu dae sa luna ch’intrat fue dae unu braconitu ‘e ‘indru, e chircat in tot’ue carchi cosa de poder mandigare. Apoi ‘e tantu forrogare artziat sos ogros a chelu e che iscampiat in su foghile unu biculu ‘e lardu pendi pendi. In bida sua padre Juanneddu no aiat mai furadu, ma atzegadu ‘e su famene no bi pensat duas bortas e nde leat lestru che leppere su picculu ‘e su lardu e che lu ingullet totu a mussu intreu; appoi in punta ‘e pes si che torrat a pigare a s’isostru. Solu a puddiles si ch’ingalenat. Est abreschinde cando intendet abolotu in coghina; parat s’origa e intendet chi su mere est nande a sa mere:

- Su lardu… su lardu, ube ch’est finidu? Epuru l’apo appicadu innoghe s’ateru manzanu!
- E ite nd’isco? – li rispondet tia Larenta – Tue, maridu meu, custas dies, che jughes sa conca in santu francatzu; e chie podet toccare cussu lardu si no tue?

Padre Juanneddu, disisperadu fatu e infartadu, nde falat lestru dae s’isostru pro attrogare chi est issu chi nde l’at leadu.

- Su lardu… su lardu, tia Larè – narat reu in s’iscala, e tremulandesi che foza no resessit a c’agabare su narrer; cando ‘iet su mere ispantadu, reu cun sa bertula a coddu ‘e sa berrita in manu, chi li narat:

- No ti preocupes padre Juannè, mi dispiaghet a su coro pro ti nd’aer ischidadu; soe totu s’ora chircande unu biculu ‘e lardu chi s’ateru manzanu aio apicadu innoghe, ma paret chi si che l’epen ingurtu sas pedras. Fortzis carchi atu est ‘intradu fura fura e si che l’at papadu. Custu manzanu nd’apo bisonzu meda, ca juto sas murenas allutas e’ su lardu mi faghet ‘ene. Cussu ‘impido onzi ‘orta chi isto male, e pro cussu l’ajo apicadu innoghe a sinnale.

Juanneddu appena intendet cussas perulas, pro pagu no si dimaiat pro s’ischivu e nde torrat fintzas sas  coradas. Issu, chi no ajat manigadu sos maccarrones mutzos, peus, s’aiat papadu su lardu chi su mere s’aiat frigadu in… culu.

Biancu che istratzu, su poberu padre contat a su mere ‘e domo totu sa veridade e domandat a Santu Franziscu perdonu, cumbintu chi l’aret dadu su castigu chi s’aiat meritadu.

Dae sa ‘orta, padre Juanneddu, timinde ‘e prangher befe manna, manigat e bufat in ‘onzi janna.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Sos padres de Santu Frantziscu

Le ombre della sera stanno calando velocemente. Frate Lussurzu e frate Juanneddu, dell’ordine di San Francesco, già di buon mattino giravano il paese chiedendo l’elemosina per i poveri.

         Frate Lussurzu è vecchio, gobbo e pancione, con il cordone sino ai piedi e la barba bianca lunga fino alla vita; è tanto grasso e vecchio che a malapena riesce a camminare. Frate Juanniccu, ragazzo, magro e nerboruto, cammina veloce e a schiena dritta, ma anch’egli stanco e affamato prega San Francesco di fargli trovare una tavola imbandita e un giaciglio dove riposare le stanche membra. Nel loro girovagare di casa in casa, i due frati capitano nella strada di tia Laurenta “Loddinosa”: una donna che ha combattuto tutta la vita con l’acqua e il sapone.

         Tia Laurenta, una donna buona e dal cuore tenero, vedendo quei due figli di Dio stanchi e infreddoliti, li fece accomodare in casa e per ristorarli diede loro un bicchiere di buon vino.

- Bevete, figli miei, non c’è che il vino per far ritornare il sangue nelle vene, mio marito sta per rientrare dalla campagna per la cena; se vi fa piacere potete rimanere con noi a mangiare, e se vi accontentate potete dormire nel soppalco, mentre noi ci arrangiamo in cucina.

I due frati, contenti come una Pasqua, ringraziano tia Laurenta e San Francesco e si accovacciano vicino al fuoco, aspettando che arrivi il padrone di casa.

Tia Laurenta, tra una chiacchiera e una tirata di tabacco, continuava a lavorare la pasta per la cena dentro un catino di terracotta, condendola con spruzzi e pezzetti di tabacco che venivano fuori dal suo naso ad ogni starnuto.

Frate Juanneddu osserva la scena e schifato dà una gomitata a frate Lussurzu:

- Guarda, guarda Lussù! Che donna zozzona! Chissà che buona che sarà quella pasta! È vero che San Francesco ci ha fatto la grazia di incontrare nella nostra strada questa buona donna, ma già ne mangeremo questa sera di porcherie per cena! Io, fratello caro, di sicuro non ne mangio; se la mangi lei quella pasta!

- E…e…frate Juanneddu…frate Juanneddu… - gli risponde frate Lussurzu – la grande fame, come il fuoco che purifica ogni cosa, ti fa andar via ogni schifo! Stai zitto, Juà! Se no qualche giorno ti capiterà un brutto scherzo!

Di lì a poco arriva il padrone di casa tutto bagnato e infreddolito; appende la bisaccia e il gabbano ad un chiodo dietro la porta e, contento, saluta i due frati sedendosi vicino a loro accanto al fuoco, per asciugarsi le pezze dei piedi inzuppate d’acqua entrata dai buchi delle vecchie scarpe. L’acqua della pasta col suo ribollire sembrava che giocasse col fuoco come un bambino discolo.

Tia Laurenta butta la pasta e, quando è cotta la versa in un grande tegame, che mette al centro della tavola, e la condisce con un buon sugo e del formaggio fresco e chiama il marito e i frati per la cena.

Frate Lussurzu, uomo di buon appetito, se ne riempie un piatto; frate Juanneddu, nonostante stesse morendo di fame, guarda la pasta fumante, ma non riesce a prenderne neanche una forchettata, perché pensa a come è stata “condita”. Ma per non offendere la donna s’inventa una scusa e le dice:

- Tia Laurenta cara, non servitemi perché non sto bene di stomaco e ho paura che il sugo mi faccia peggio.
- Mi dispiace tanto, figlio caro, che stai male e che non puoi assaggiare questa pasta davvero squisita; ma capisco…capisco. Non ho altro però da offrirti – gli risponde tia Laurenta, preoccupata nel vederlo bianco come un lenzuolo e tutto tremante.
- Non preoccupatevi per me, tia Larè – gli risponde, guardando con gli occhi di fuori il catino fumante di pasta e scoppiandogli il cuore dal desiderio di mangiarla.

Dopo cena i due frati vanno a dormire nel soppalco. Tia Laurenta e il marito si sistemano in un materasso di foglie di granturco.

Frate Lussurzu, ben sazio, dorme tutta la notte russando come un maialetto. Frate Juanneddu, con la pancia vuota, non riesce ad assopirsi ossessionato da visioni di piatti pieni di pezzi di formagio e anelli di salsiccie… Si gira e rigira nel letto come se fosse stato punto da un nugolo di api.

Ad un certo punto, quatto quatto, scende dal letto e va in cucina. Aiutato dal chiarore della luna che filtrava dal vetro del balconcino, cerca dappertutto qualcosa da mangiare. Dopo aver frugato in ogni angolo alza gli occhi al cielo e vede, appeso nel camino, un pezzo di lardo. In vita sua frate Juanneddu non aveva mai rubato niente ma, accecato dalla fame, non ci pensa due volte, prende svelto il pezzo di lardo e lo manda giù in un sol boccone; dopo in punta di piedi risale nel soppalco. Verso l’alba, mentre sta per prendere sonno, sente delle voci provenire dalla cucina. Tende l’orecchio e sente che il marito sta dicendo alla moglie:

- Il lardo… il lardo, dov’è finito? Eppure l’altra mattina l’ho appeso qui!
- E che ne so?! – gli risponde tia Laurenta – Tu, marito mio, hai la testa tra le nuvole, chi vuoi che abbia preso il pezzo di lardo se non tu!?

Frate Juanneddu, disperato e pieno di vergogna, scende veloce dal soppalco per dire che era stato lui a mangiarlo.

- Il lardo… il lardo, tia Larè – dice in piedi dalla scala e, tremando come una foglia, non riesce a terminare la frase.
        
Il padrone di casa, meravigliato, con la bisaccia sulle spalle e il berretto in mano gli dice:

- Non preoccuparti, frate Juannè, mi dispiace tanto di averti svegliato, è tutta l’ora che sto cercando un pezzo di lardo che l’altra mattina avevo appeso qui, ma sembra che l’abbia inghiottito la terra. Forse qualche gatto è entrato di nascosto e se l’ha mangiato. Questa mattina ne ho un gran bisogno perché ho il sedere infiammato e il lardo mi ha fatto sempre bene. Quello lo usavo tutte le volte che stavo male ed è per questo che l’avevo appeso qui in vista…

         Juanneddu, appena sente quelle parole, per poco non sviene dallo schifo e vomita anche le budella. Lui che non aveva voluto mangiare la pasta, si aveva mangiato il lardo che il padrone di casa si fregava… Bianco come un cencio, il povero frate racconta tutta la verità e chiede perdono a San Francesco, convinto di aver ricevuto il giusto castigo che si era meritato.

Da quella volta, frate Juanneddu, temendo che la beffa si ripeta, mangia e beve tranquillamente in ogni casa.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922