Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

Il carro cociu

Is arrugas prima no fiant asfaltadas, ma impedradas. Duncas candu passant is carretonis s’intendìanta de aillargus arribendi, ca is arrodas fianta stragatzu in is pedras.

Una noti, mamai si fiat giai crocada e ìat beni serrau sa pota e is fentanas a crai de ferru. Cun in manu sa stearica, cun issa femus su giru de sa domu po controllai chi totu fessit a postu. Sa luxi de sa stearica fìat umbras mannas e piticas e fìat parri su chi no fìat, cumenti s’acostat a sa mobìlia. Is cuadrus de is aposentus fìanta timi e finas is santus pintaus parìanta ca ti castiant e girant is ogus. Aiàia narat:

         - Chini timit est tontu! E chini timit su scuriu est prus tontu puru.

         Su scuriu fìat diaici foti chi pariat de ddu tocai, e deu timemu. Is aposentus de crocai fìant in pitzus e aici depemus fai sa scala. Fìant unus cantu gradinus, ma deu nd’emu giai contau centu. Dònnia sulideddu, dònnia movimentu o tzachideddu mi fìanta sempiri prus timi. Passendi a innantis de unu sprigu agiumai mi svengu, ca mi pariat unu spìritu e invecia femu deu.  Aìaia arrieda narendi:

- Chini timit es tontu e totus ddu pòdinti fai timi scipiendi ca est tontu.

         Lòmpius a su letu, si poneus is camisas de noti e si crocaus… dorondon dorondon dorondon… is arrodas in s’arruga, unu carrettoni fìat passendi.

- Aìaia est unu carrettoni? Ai cust’ora no podit èssiri.
- No, abarra crocau, est su carru còciu. Studa sa stearica ca tui ses piticheddu e no ddu depis intendi candu ti tòcat sa pota. Su carru còciu est tirau de cuàturu canis arrabiaus, mesu spinniaus, cun is ogus de fogu, is dentis longas cumenti guateddus e sa baulada cola cola de ispuma a fragu de tzrùfuru. Su carradori est sa Moti, unus cantus pilus biancus, longus atacaus a conca, a mantella niedda, po dda cuai is ossus. In sa manu ‘e manca su fuetu e in sa dereta sa fraci po ndi segai s’ànima de su corpus. Candu tòcat a sa pota no fait a no dd’oberri, est prus foti de tui. Ma tui no timas, po-i cussu giradi’ a s’atra pati e dromidi.
- Aìaia, e chi intendu tochendi a sa pota?
- Chi sa Moti tòcat a sa pota su pipiu no podit oberri ca est dromiu cun s’àngiulu guadriadori a su costau e no intendit. Su babu est dromiu ca s’incrasi a mengianu depit andai a traballai. Est tropu afatigau de su traballu, si ndi pèsat a chitzi mannu po mantenni sa famìllia e intzandus no intendit ca si ca est beni dromiu candu sa Mòti tòcat a sa pota. Sa mamma est crocada a su costau de babu tuu, scallada de traballu, su sonnu est grai, sceti sa luxi de sa dì ndi d’at a scidai po impastai su pani. Aiàia, ca cos‘’e fai ndi teni pagu e is doloris de sa becesa no dda fainti dromiri, intendit sa Moti tochendi sa pota e sigumenti est sa prus bècia e sa chi srebit de mancu in domu, at a setzi cun d-unu crop‘’ e fraci in su carrettoni de sa Moti. Ma tui no depis crei a su chi ti contu, ca seu brullana, e as a studiai ca su carru còciu atru no est chi su carru (chi passat in antighidadi) chi arregoliat is apestaus motus e si frimat in is domus cun sa luxi alluta. Su carradori tocat sa pota e si carrigat su motu. In is domus a luxi studada, no si frimat, nci passa deretu de pressi ca sa genti timiat su cuntàgiu finas de su fragu a aici si cuat. Poniant su tzrùfuru for‘e sa pota e candu passat su carru ddu sparpallisant e s’intendiat po cussu su fragu. Pensanta ca cun su tzrùfuru no piganta sa pesta. Cumprèndiu asi? Mirai mirai, custu no m’at ascutau s’est dromiu. Beh! Dromi beni. A crasi.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Su carru cociu

Le strade anticamente non erano asfaltate, ma lastricate con pietre. Così, quando i carri passavano, da lontano si sentiva il loro arrivo, perché le ruote sulle pietre facevano rumore. Una notte mia mamma andò a letto presto e mia nonna aveva già messo il chiavistello alla porta e alle finestre. Con una candela in mano, feci il giro della casa assieme a lei, per controllare che tutto fosse in ordine. La luce della candela produceva ombre grandi e piccole che mostravano ciò che in realtà non c’era. I quadri appesi alle pareti delle stanze facevano paura, e anche i Santi dipinti pareva ti guardassero: sembrava muovessero gli occhi!

Nonna diceva che chi ha paura è tonto! E chi ha paura del buio è ancora più tonto.

 Il buio però era così scuro che mi sembrava di toccarlo: io avevo paura! Le stanze da letto si trovavano al piano superiore e così salimmo le scale. Erano solo alcuni gradini, ma a me sembrò di contarne cento. Ogni alito, ogni movimento, o rumorini mi spaventavano. Passammo di fronte ad uno specchio e mancò poco che svenni: mi parve di veder uno spirito, invece era il mio viso riflesso. Nonna rise e disse:

- Chi ha paura è tonto e tutti possono far paura a chi è tonto.

Arrivati a letto, ci mettemmo le camicie da notte e ci coricammo. Ad un certo punto… dorondon, dorondon, dorondon: le ruote sulla strada, un carretto che passava!

- Nonna è un carretto? A quest’ora non può essere!
- No, rimani a letto. Non preoccuparti: è il carro còciu. Spegni la candela perché tu sei piccolino e non devi sentire quando busserà alla porta. Il carro còciu è trainato da quattro cani rabbiosi, mezzo spelacchiati, con gli occhi di fuoco, i denti lunghi come coltelli, con la bava che scende schiumosa e che puzza di zolfo. Chi porta il carro è la Morte: ha alcuni capelli lunghi e bianchi attaccati al teschio, un mantello nero che nasconde il suo scheletro, nella mano sinistra tiene la frusta e in quella destra la falce per prendere l’anima dal corpo degli uomini. Quando bussa alla porta non è possibile non aprirle, perché è più forte di te. Ma tu non aver paura, voltati dall’altra parte e dormi.

Io, spaventato, chiesi:

- Nonna, se io sento bussare alla porta…
- Se la Morte bussa alla porta - mi spiegò nonna - il bambino non può andare ad aprire perché si è addormentato con l’angelo custode al fianco e quindi non sente. Il babbo dorme perché l’indomani mattina deve andare a lavorare: è stanco morto, si alza molto presto per mantenere la famiglia e così, quando la Morte busserà alla porta, non sentirà perché è addormentato profondamente. La mamma sta al fianco del babbo, distrutta dal lavoro: il suo sonno è pesante e solo la luce del giorno la sveglierà perché sa che deve preparare il pane. Nonna, invece, poiché non ha molto da fare e i dolori della vecchiaia non le permettono di dormire, sentirà la Morte bussare alla porta. E poiché è la più vecchia, quella che in casa serve meno, salirà con un colpo di falce sul carretto della Morte… ma tu non devi credere a ciò che ti racconto: lo sai, mi piace scherzare! Studierai che il carro còciu altro non era che il carro (usato tanti anni fa) che ritirava i corpi degli appestati. La luce accesa segnalava che non si fermasse: così il carro passava velocemente e le persone, che credevano contagioso anche solo l’odore di morte fuori dal proprio uscio, si nascondevano e spargevano zolfo contro il contagio della peste: ecco perché, dopo il passaggio del carro, si sentiva un odore cattivo molto forte…Hai capito? Guarda guarda… questo ragazzo non mi ascolta, si è addormentato. Beh! Dormi bene. A domani.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922