Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

Su fillu mottu de tzia Arrosa

In dònnia domu usant a no lixerai sa mesa apustis de cenai, si sbaratzat s' incrasi a mengianeddu. S'usantza fìat ca is ànimas de is motus de famìllia podìanta passai e, chi 'olianta, tastant o bufanta calincuna cosa. Femus una famìllia manna, cumenti giai totus a -i cussus tempus. Seti fillus, ses fèminas e s'utimu mascu, su piticheddu, babu, mama, tziu e tzia. Babai si fìat coiau a domu de custu tziu arricu chi no teniat fillus, po cussu bivemus totus impari.         Nosus piciocheddas no andamus a is iscolas mannas e aici agiudamus in domu a mamai. Una borta a sa cida una de nosus a mengianeddu chitzi, obresci no obresci, depiat lixerai sa coxina.  S'incrasi tocat a mei. Deu femu sonnigosa meda e mi pigat spreu a mi ndi pesai a chitzi mannu po limpiai. Sunfremu su sonnu, tenemu frius e timemu. Tzia mia, Arrosa, sa noti de su primu de Dònniasantu iat apariciau beni beni sa mesa: su binu in s'ampudda e sa tassa prena a su costau, is culixonis incasaus in su pratu beni tupau, una perra de cocoi de sìmbula acanta, un' arrogu de petza ben'amutada in su talleri, un'arrogu 'e casu e, imboddicadas in paperi de tzàpulu, finas is castangias arrustias.

         Sciemus ca totu custu pràngiu fiat dedicau a s'animà de su fillu che ìat tentu tzia, motu piciocheddu, tisicu.

         Sciemus puru ca no depemus tocai nudda.

         Custu pràngiu s'incrasi d'iat' èssiri donau a gomai Maria, un' imbriagona de bixinau pòbura picigada a terra, chi biviat in su spuntoni acanta de su grifoni de malloreddu. Ma femu picioca e a cenai s'ìanta donau sìmbula  frita e casu sceti.

         Aici pensendi ca su motu no s'ìat' èssiri ofèndiu apu cumentzau a pigai a furadura unas cantu castangias. Sa castangia fìat cumenti sa cerexa, una tiarat s'atra, e aici mi ddas apu papadas totus.

         A pustis mi seu pentzada e mi seu sètzia, papada mi seu is culixonis foras de unu. Femu pentia de m'èssiri papada sa cena 'e su motu e aici a su mancu unu fìat po issu. Prexada de custa pensada mi bufu una tassa de binu, fìat sa primu borta chi ndi bufamu e mi fìat praxu. Sigumenti mi fìat benendi su tzuculitu papada mi seu un'arrogheddu 'e pani e casu e pinghi pinghi petza. Prus papamu e prus femu pentia. Detzidu de mi crocai, ma fìat cumenti un'atiramentu (sigu a pensai a totu cussa cosa 'e papai in sa mesa). No ddu baliu prus e mi torru a setzi, mi papu totu sa petza, arresighendi finas s'ossu e m'acabu de bufai sa tassa 'e su binu. Prima de mi ndi pesai, aciapu s'ampudda e bufu a bruncu, a buconis mannus. M'arrescit, mi pìgat su tùssiu, in cica de m'allupai. Totu stontonada de su binu m'acostu a s'aposentu. No- i sciu cumenti seu lòmpia a su letu. Crocamus impari una a conca e s'atra a peis, e mi nci seu stichia asut’’e sa burra. A mengianu mi ndi scìdat narendi:

         - Pesa, tòcat a tui lixerai.

         Ma, deu no mi movemu, tenemu sonnu. A pustis chi sorri mia mi nci at fuliau de su letu, a dolor’’e conca e a stògumu prenu lompu a coxina.

         Tzia Arrosa fiat arridendi pani po fai su suponi, fìat giai obrèsciu e sa coxina fìat lìmpia lìmpia. Deu cun sa coa fata a frocu no- isciemu innui mi ponni.

         M'abetamu chi m'at èssiri tzacau una bussinada, a innantis de ndi pigai una surra.

         Bolemu nai: “Pedronu", ma su fueddu no mi nci 'essiat. Sa buca fìat serrada e sa salia m' amancat.

         Fendi sa foti nau:

- E ita cosa, tzia Arrosa, totu su logu beni lixerau?
- Citi neta mia stimada, oi tzia at tentu prexu mannu, tui no podis cumprendi ca ses pipia. Fillu miu motu a pustis de tant'annus est lòmpiu a celu. At papau, bufau e lassau sinnalis in su pannixeddu.

         Ita dannu! In su pannixeddu cumenti mi femu strexa d'emu imbrutau de binu. Ita brigungia! Emu bufau prus de gomai Maria. Arrùbia che fogu, sa di' apu nau otanta requem aeterna po mi fai pedronai de su motu. A nisciunus emu scoviau ca su motu femu deu.

         Custu contu fiat praxu a totu su bixinau. E deu puru femu andada a iscutai sa missa in nòmini de su fillu motu tìsicu de tzia Arrosa. Sa beridadi, arratz''e bella missa cantada!

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Il figlio morto di tzia Rosa

Anticamente nelle case non si usava sparecchiare dopo cena, ma riordinare l’ indomani mattina. Si riteneva, infatti, che le anime dei morti di famiglia potessero passare in cucina e mangiare o bere qualcosa. La nostra era una famiglia numerosa, come tante in quei tempi: sette figli, di cui sei figli e l’ ultimo, più piccolo, maschio; babbo, mamma, zio e zia. Vivevamo tutti insieme nella casa del fratello ricco di mio padre, perché questi non avevano figli.

         Noi ragazze non frequentavamo le scuole superiori e così aiutavamo nostra madre nelle faccende domestiche. Una volta alla settimana, a turno, pulivamo la cucina, la mattina presto. Quel giorno spettò a me. Mi piaceva dormire e mi pesava alzarmi presto: avevo sempre sonno, freddo e paura. Mia zia Rosa la notte del primo Novembre aveva apparecchiato per bene il tavolo. Dopo cena. Una bottiglia di vino con il bicchiere pieno a fianco, un piatto di ravioli con salsa, ben chiuso perché restassero tiepidi, metà pane di semola (cocoi), un pezzo di carne con mirto, una fetta di formaggio e persino le castagne arrosto involte in una busta del pane.

         Sapevo che questo pranzo era dedicato all’ anima dell’ unico figlio avuto da mia zia rosa, morto da ragazzino, di tisi. Sapevo, perciò, che non avrei dovuto mangiare nulla: questo pranzo, l’indomani, l’avrebbero dato a comare maria, una povera ubriacona che viveva all’angolo della strada. Ma ero giovane e a cena, quella sera, ci avevano dato solo semola fritta con un pezzo di formaggio.

         Così, pensando che il morto non si sarebbe certo offeso, presi di nascosto alcune castagne. Le castagne sono come le cilege: una tira l’ altra! Le mangiai tutte.

         Dopo averci pensato un po’, mi sedetti a tavola e divorai i ravioli, tutti all’infuori dell’ultimo: lo lasciai perché mi pentii di aver inghiottito tutto quel cibo riservato al morto. Felice di aver rinunciato a quel raviolo, bevvi un bicchiere di vino: fu la prima volta che lo assaggiai e mi piacque molto.

         Stavo per scoppiare in singhiozzi, così decisi di mangiare anche un pezzetto di pane e di formaggio, e poi di carne. Più mangiavo e più ero pentita! Mi diressi verso la camera da letto, ma fu più forte di me. Non resistetti, e così ritornai a tavola: rosicchiai la carne fino all’ osso! Terminai di bere pure il vino. Prima di alzarmi dalla sedia, presi la bottiglia e incominciai a bere altro vino a grandi sorsi. Ma il vino mi andò di traverso e fui presa da un attacco di tosse, tanto che mi sentii soffocare.Inebriata, a stento raggiunsi il letto. Mia sorella dormiva (dormivamo nello stesso letto), io mi infilai sotto la coperta. La mattina seguente mia sorella mi svegliò dicendomi:
        
- Alzati, spetta a te riordinare.

         Ma io non riuscii a muovermi per il sonno. Allora mia sorella, più decisa, mi buttò fuori dal letto: avevo mal di testa e lo stomaco pieno. Andai in cucina.

         Zia Rosa abbrustoliva il pane per il caffèllatte. Era già giorno e la cucina ben pulita. Io, tutta intimidita, non sapevo cosa fare.

         Aspettavo da un momento all’ altro l’arrivo di uno schiaffo!

         Volli chiedere perdono, ma non riuscii a proferire una sola parola. Mi feci forza e dissi:

- Come mai, zia Rosa, è già tutto in ordine?
- Taci, nipote mia! Oggi tua zia ha ricevuto una gran gioia, che tu bambina non puoi capire. Mio figlio, morto da tempo, finalmente ha raggiunto il cielo. Egli ha mangiato, bevuto e lasciato tracce sul tovagliolo.

         Che guaio! Avevo pulito le mani e la bocca con il tovagliolo e l’ avevo sporcato di vino. Che vergogna! Avevo ingurgitato più vino di quello che avrebbe bevuto comare Maria. Rossa come il fuoco, recitai solo in quel giorno ottanta requiem per il morto, perché venissi perdonata. A nessuno rivelai che il morto in realtà ero io!

         Questa storia piacque a tutto il vicinato. Anche io decisi di ascoltare la messa dedicata al figlio morto tisico di zia Rosa: fu una bella messa cantata!

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: QUARTESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922