Il posto delle favole...
Il posto delle favole
...luogo di scambio tra culture differenti  

Tziu orcu

Cando bessiat tzi’ Orcu, su dimoniu catzadu dae s’inferru, sa terra tremiat. Tzi’ Orcu fit totu prenu de pilu nieddu e longu longu chi che li cuaiat sas birgonzas e sos ocros. Dae mesu sas nadicas l’ispuntaiat sa coa, dae conca duos corros puntzudos e dae sa buca duas iscaglias de porcrabu. Sos poddighes fin a forma de francas de gattu, arrodadas che framas de leppa.

         In ierru dormiat che colora e si ischidaiat, famidu, a su primu calore de s’istiu. Dae s’artura de sa bidda asserbaiat, cun ocros de astore, sas carrelas issoliadas. E cando ch’idiat carchi pitzinnu zirellu, cun duos passos de zigante lu sichiat e che lu picaiat a domo sua pro si lu cochere a cassola.

         Una die, dae su nodu mannu, c’at bidu unu pitzinnu solu solu, setidu in sa piatza. Ch’est curtu inganatzidu e l’at tentu.

         Cando, in domo sua, unu nuraghe mesu rutu, s’at preparadu sas lepas pro lu bochier, su pitzinnu, chi fit bellu che sole, l’at nadu:

         - Proite mi che cherides manicare, tzi’ O’? Ite bos apo fatu?
         - Non l’ischis tue, chi jeo mi che manico totu sos pitzinnos zirellos? Ite bi fis fachende in piatza a mesudie? Sos pitzinnos bonos a cuss’ora sun in dom’issoro.
         - Ma jeo no apo a nemos tzi O’! Babbu e mama si che sun mortos e d’est pro custu chi ando in ziru, a mesudie, a pititare. Ite creides? Mi fit agradadu de aer galu a babbu e a mama. Issos mi aian acudidu, dandomi a manicare cada die e fachindemi dormire intro de su bantzicu cun sa pedde de erbeche, chi jeo no apo mai connotu.

         A cussas peraulas tzi’ Orcu at bettedu un orchidu e s’est postu a pranghere. Cantu prus prangiat prus che li ruiat su pilu dae dossu. Che li sun rutas sas iscaglias, che li sun isparidas sa coa e soso corros, e sas francas li sun divennidas manos. In pac’ora s’est mudadu in omine. Si ch’est mortu su dimoniu catzadu dae s’inferru, ma in cambiu b’at naschidu unu babbu.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO
   

Il signor orco

Quando si presentava Signor Orco, il demonio cacciato dall’inferno, la terra tremava. Signor Orco era pieno di peli lunghi lunghi che gli nascondevano il corpo e gli occhi. Nel fondoschiena gli spuntava la coda, dalla testa due corna appuntite e dalla bocca due zanne di cinghiale. Le dita erano unghie di gatto, taglienti come la lama di un coltello.

         D’inverno dormiva come una biscia e si svegliava, affamato, ai primi caldi dell’estate. Dall’alto del monte che sovrastava il paese, osservava, con occhi di falco, le strade assolate. E quando vedeva qualche bambino che se ne stava in giro per strada, con due passi da gigante lo inseguiva, lo acchiappava, lo portava a casa sua per cucinarselo in padella.
         Un giorno, dalla vetta più alta del monte, vede un bambino da solo, seduto nella piazza. Corre, affamato, verso di lui. E lo acchiappa.

         A casa sua, un nuraghe semi  distrutto, prepara i coltelli per uccidere il bambino che è bello come il sole.

         Il bambino gli chiede:

         - Perché mi volete uccidere, Signor Orco? Cosa vi ho fatto?
         - Non sai, tu,  che io mangio tutti i bambini che se ne stanno in giro? Che ci facevi in piazza, a mezzogiorno? I bambini buoni, a quell’ora, se ne stanno dentro casa.
         - Ma io… non ho nessuno. Mio babbo e mia mamma sono morti, ed è per questo che a mezzogiorno sto in piazza: per chiedere l’elemosina. Che credete? Mi sarebbe piaciuto avere ancora il babbo e la mamma. Loro mi avrebbero accudito, dandomi da mangiare ogni giorno, facendomi dormire in un comodo letto, con le coperte di lana che io non ho mai conosciuto.

A quelle parole, il signor Orco emise un grido di dolore e cominciò a piangere. E più piangeva, più i peli gli cadevano dal corpo. Perse le zanne, perse la coda e le corna. E le sue zampe diventarono mani di uomo: era morto il demonio cacciato dall’inferno ma, in cambio, era nato un padre.

INFORMAZIONI SULLA FIABA
REGIONE: SARDEGNA - ITALIA
DIALETTO: LOGUDORESE
 
VERSIONI DELLA FIABA
LEGGI IN SARDO
LEGGI IN ITALIANO
ASCOLTA IN SARDO






CONSORZIO KAISTEN - C.F. 92135000922